L'Ancora Genitori Separati Genitori Sempre

Libreria

Libreria01

Nella nostra libreria troverete una selezione di letture consigliate dai nostri esperti

separatore

Letture 2016

Letture consigliate per il mese di Ottobre:

punire-serve-nulla-novaraD. Novara “Punire non serve a nulla” – Ed.BUR Rizzoli

Punire non ha nulla a che fare con l’educazione. Le punizioni sono elementi estranei ai processi educativi, non hanno nessuna chance di favorire davvero la crescita dei nostri figli. Meglio puntare sulla buona educazione, sulle mosse giuste e sull’organizzarsi bene.“Cosa dobbiamo fare quando nostro figlio non rispetta le regole, quando dice le bugie? Quando glielo abbiamo detto già cento volte e non lo fa? Quando gli parliamo e guarda da un’altra parte?”Ogni giorno, come genitori, ci troviamo di fronte a situazioni come queste, in cui i comportamenti dei piccoli o i comportamenti dei nostri figli adolescenti sembrano non lasciare altra scelta che tentare di riportare la quiete in famiglia attraverso le famigerate punizioni. Eppure, come ogni genitore sa, urla e castighi non solo si dimostrano per lo più inutili o addirittura controproducenti, ma spesso generano sensi di colpa e frustrazione negli stessi adulti, che quotidianamente vedono come le loro punizioni non portino a nulla.  Ma come è possibile farne a meno? In questo libro Daniele Novara – tra i più autorevoli pedagogisti italiani – spiega passo dopo passo come creare un ambiente familiare in cui punire non sia più necessario, partendo da alcuni semplici punti di base: costruire il corretto gioco di squadra fra i genitori; adattare richieste e indicazioni all’età dei figli, dall’infanzia all’adolescenza; dare un sistema di regole chiaro e trasparente; stabilire la giusta distanza relazionale. Perché, con la buona organizzazione, educare senza punizioni si può, facendosi ascoltare davvero dai figli e costruendo con loro un rapporto più forte e profondo.

 

4049113S. Biddulph “Crescere figlie femmine” – Ed.TEA

Dopo “Crescere figli maschi”, il libro che ha aiutato milioni di genitori a comprendere a fondo i propri figli, Steve Biddulph, in questo libro, dedica la sua esperienza e la sua preparazione alle bambine. “Crescere figlie femmine” vi guiderà nel percorso di crescita di vostra figlia, dalla nascita ai 18 anni; scoprirete che il processo di sviluppo si suddivide in 5 fasi fondamentali, ognuna delle quali con caratteristiche ben precise, e imparerete ad adottare comportamenti corretti che favoriscano la sua autostima, la serenità nei rapporti interpersonali e soprattutto quella sicurezza necessaria per affrontare la vita. Grazie ai consigli per far fronte a ogni sorta di problema, dai disturbi alimentari, all’alcol, all’errata immagine di sé, ai rapporti con i ragazzi, potrete capire vostra figlia e aiutarla a diventare prima una ragazza e poi una donna saggia, forte e responsabile.

separatore

Letture consigliate per il mese di Luglio:

luglio1L.Wendy, L.Jonathon “Meditazioni per genitori” – Ed.Armenia (collana Lo Scrigno)

 “E’ facile vivere per gli altri: lo fanno tutti. Vi esorto invece a vivere per voi stessi.”Ralph Waldo Emerson.

I genitori che si danno troppo da fare sono spesso interamente dediti ai figli: vivono per loro. Non c’è da stupirsi, dunque, se cominciano a perdere la propria identità , chi si fonde con quella della prole.Dobbiamo sapere quanto valiamo, chi siamo, e cosa ci rende felici, contenti o completi. Lasciarsi assorbire dai figli e dalla loro vita e’ pericoloso per entrambe le parti: i figli vengono infatti tiranneggiati, e i genitori diventano dei parassiti.

 

IMG_0236F. Ghiglione “I Papà spiegati alle Mamme” – Ed.Einaudi

Esistono moltissimi libri sull’esperienza della maternità, in tutti i suoi possibili risvolti, ma la paternità continua a restare nell’ombra. Forse perché gli uomini fanno più fatica ad aprirsi e raccontarsi, o forse perché la figura paterna non si è ancora affrancata del tutto da una serie di stereotipi, molto spesso sorpassati ma ancora attivi, come quelli che vedono il padre responsabile del sostegno economico della famiglia, autoritario, assente, incapace di occuparsi dei figli o capace solo di farli giocare. Federico Ghiglione, mediatore familiare, fa breccia all’interno di questo mondo per spiegare alle madri, e con loro a tutti noi, l’unicità, la ricchezza, l’importanza e la difficoltà del ruolo di padre, prendendo in esame tutte le fasi che conducono alla genitorialità, dal concepimento al parto, passando attraverso la sessualità fino all’educazione dei figli. Intrecciando esperienze personali ed esperienze maturate sul campo, Ghiglione ci regala un libro divertente e utile non solo per le giovani coppie ma, soprattutto, per le mamme, che oggi hanno bisogno più che mai di capire chi è la “metà” con cui hanno deciso di fare famiglia.

 

Letture consigliate per il mese di Giugno:

giugno E.Benni, G.Malombra “Le fiabe per sviluppare l’autostima. Un aiuto per grandi e piccini” – Ed.Franco Angeli

 L’autostima è il modo in cui ognuno di noi si percepisce nel mondo e nei rapporti con gli altri, innanzitutto i familiari e poi tutte le altre persone che si incontrano nel cammino della vita. Sono intelligente? Sono piacente? Sono considerato? Sono apprezzato? Sono amato? Tutte queste domande vengono poste perché è forte in ogni persona sapere quanto si vale. Come aiutare chi soffre di poca autostima? Come superare i complessi che molti di noi, grandi o piccoli, ci portiamo dietro? Fermiamoci, e leggiamo una fiaba. L’utilizzo della fiaba favorisce lo sviluppo psico-affettivo e aiuta a elaborare le sofferenze psichiche che oggi sono forse più laceranti, o semplicemente più visibili, di un tempo. I piccoli e i grandi lettori, sia quelli più “fragili” che quelli già “forti”, potranno identificarsi nei vari personaggi e, ritrovando le parti nascoste di sé, potranno recuperare l’energia necessaria a proseguire il cammino. Per grandi e piccini, per genitori e insegnanti, per psicologi ed educatori, per ogni persona che crede nell’importanza della comunicazione emotiva, prima ancora che in quella cognitiva e razionale: solo attraverso il cuore si può raggiungere la mente.

Letture consigliate per il mese di Marzo:separatore

Marzo 01Maurizio Quilici “Manuale del papà separato. Come affrontare (e far superare ai figli) il trauma della separazione” – Ed.Datanews

 In Italia, ogni anno circa 170mila persone vivono la separazione e circa centomila bambini e ragazzi vedono uno dei genitori – quasi sempre il padre allontanarsi. Un evento che inevitabilmente si accompagna a una dolorosa sensazione di vuoto, di perdita, di fallimento; una tempesta che si abbatte sui figli ma colpisce anche gli adulti, alterando profondamente il loro senso di identità. L’uomo, che in questa particolare circostanza rappresenta la parte debole, è investito da problemi legali, psicologici, affettivi, relazionali, economici e rischia di trovarsi in condizioni disperate. Emozioni fortissime, dubbi, perplessità. E tante domande: come dirò a mio figlio che presto lascerò questa casa? Come scegliere l’avvocato? Potrebbe fare al mio caso la Mediazione Familiare? È vero che i figli saranno affidati a lei? E allora l’affido condiviso? Che fare se mia moglie non mi farà vedere i bambini? Che cos’è la PAS? Un libro che si rivolge ai padri ma che farebbero bene a leggere anche le madri, separate e no.

 

Marzo 02Maurizio Quilici “Grandi uomini, piccoli padri” – Ed.Fazi

Galilei costrinse la figlia alla vita monastica fin dall’adolescenza; Rousseau, considerato il fondatore della pedagogia moderna, ebbe cinque figli e, appena nati, li affidò tutti all’Ospizio dei Trovatelli; Manzoni, il campione della pietas cristiana, non esaudì mai le accorate richieste di visita della figlia Matilde, finché la giovane, malata di tisi, morì a 26 anni; Tolstoj fu un padre controverso ed egocentrico, incapace di qualsiasi manifestazione d’affetto; Einstein, genio dei geni, cancellò ogni traccia della figlia Lieserl, che tra l’altro non vide mai; il grande Charlie Chaplin, indimenticabile “padre” nel film Il vagabondo, detestava i bambini e fu un genitore irascibile e dedito solo al suo lavoro.

Queste sei biografie, analizzate sotto una lente particolare, quella della paternità, scardinano l’opinione comune sulla grandezza umana dei geni e svelano come sia difficile, o addirittura impossibile, essere al contempo un prodigioso ingegno e un buon padre. Attraverso un incalzante susseguirsi di vicende, narrate con una prosa brillante e una continua attenzione alle fonti, Maurizio Quilici spinge il lettore ad andare oltre la luminosa facciata di questi illustri personaggi, per farlo soffermare invece sulle loro mancanze di genitori che li riportano a una statura umana, troppo umana, spesso detestabile.

separatore

Letture consigliate per il mese di Gennaio:

Gennaio2016Francesco Montecchi “I figli nelle separazioni conflittuali e nella (cosidetta) PAS (Sindrome di Alienazione Genitoriale)” – Ed.FrancoAngeli

 

Questo libro offre un’attenta e originale osservazione clinica del funzionamento emotivo dei bambini coinvolti nelle separazioni ad alta conflittualità e nella cosiddetta PAS; implicitamente è una denuncia di come questi figli, massacrati psicologicamente dai genitori, proseguono ad esserlo a causa dell’ottusità di alcuni percorsi giudiziari e sociali. Il volume è rivolto ai professionisti dell’infanzia sia di area medica, psicologica e sociale sia legale, avvocati e magistrati, impegnati nelle separazioni coniugali, nonché a chi volesse comprendere la complessa e dolorosa realtà di questi bambini.

  • Propone una rilettura clinica secondo una visione bambino-centrica in alternativa a quella adulto-centrica dominante la nostra società.
  • Ne esamina gli aspetti psicodinamici e psicopatologici, finalizzati al recupero psicologico.
  • Analizza le strategie per un intervento clinico, confrontato con i percorsi giudiziari e le iniziative di tutela e ne individua le variabili che espongono ad un intervento fallimentare.
  • Indica le strategie dei percorsi terapeutici, dando ampio spazio a metodi psicoterapici innovativi, familiari e individuali, in particolare al “gioco della sabbia” di Dora Kalff (Sand play therapy) in cui il bambino, attraverso le immagini, esprime in modo molto trasparente il suo funzionamento psicopatologico.

separatore

Letture 2015

Letture consigliate per il mese di Dicembre:

terzo-genitoreAnna Oliviero Ferraris “Il Terzo Genitore” –  Ed. giunti

Nelle famiglie che si costituiscono tra partner separati o divorziati le matrigne e i patrigni delle favole lasciano il posto a una nuova figura non facile da impersonare, quella del “terzo genitore”. Ma qual è il ruolo di questa nuova figura familiare? Come può trovare identità senza usurpare quella del genitore separato? Come deve reagire di fronte a un bambino o a un adolescente che non ne vuol sapere di lui (o lei) o che, al contrario, si trova talmente bene nella nuova famiglia da suscitare il risentimento dei genitori “veri”? E’ possibile riuscire a superare i conflitti, le gelosie, le reciproche diffidenze?

 

separatore

Letture consigliate per i mesi di Giugno e Luglio :

Giugno01Marie-France Hirigoyen “Molestie morali. La violenza perversa nella famiglia e nel lavoro” –  Ed. Einaudi

Questo libro affronta un tema di drammatica attualità, che comincia a essere studiato dagli psicologi e considerato anche dalle organizzazioni del lavoro. Il “mobbing” è al centro dell’attenzione di molte riviste e giornali. È possibile distruggere qualcuno con le parole, gli sguardi, i sottintesi: espressioni come violenza perversa o molestia morale si rifescono a questo tipo di situazioni. Con l’apporto di numerose testimonianze, l’autrice analizza le peculiarità dei rapporti perversi e mette in guardia contro ogni tentativo di banalizzazione. Che si tratti di una coppia, di una famiglia o degli impiegati di un’azienda, il processo che porta le vittime nella spirale della depressione, se non al suicidio, è lo stesso.

Giugno 3Anna Oliviero Ferraris “Non solo amore. I bisogni psicologici dei bambini” –  Ed. Giunti

La prima lezione per un genitore è che il genitore perfetto non esiste. Come genitori faremo tutti degli errori, i nostri figli ci faranno perdere la pazienza e ci saranno dei momenti in cui saremo nervosi, confusi e persino esasperati. Ma essere genitori non sarebbe per nulla piacevole se fosse sempre una lotta. In realtà esistono degli accorgimenti, che tutti possono imparare, per rendere questa esperienza più facile e gradevole. Anna Oliverio Ferraris, psicologa dell’età evolutiva, affronta tante diverse questioni che riguardano la vita delle nostre famiglie e dei nostri bambini, indicando di volta in volta metodi e strategie di intervento.

separatore

Letture consigliate per i mesi di Aprile e Maggio :

LibroAlice Miller “Il dramma del bambino dotato e la ricerca del vero sé” –  Ed. Universale Bollati Bolinghieri

A quale prezzo psicologico si ottiene un “bravo bambino”? Di quali sottili violenze è capace l’amore materno? Per l’autrice, il dramma del “bambino dotato” – il bambino che è l’orgoglio dei suoi genitori – ha origine nella sua capacità di cogliere i bisogni inconsci dei genitori e di adattarvisi, mettendo a tacere i suoi sentimenti più spontanei (la rabbia, l’indignazione, la paura, l’invidia) che risultano inaccettabili ai “grandi”. In tal modo, viene soffocato lo sviluppo della personalità più autentica, e il bambino soffrirà di insicurezza affettiva e di una sorta di impoverimento psichico. Da adulto, sarà depresso, oppure si nasconderà dietro una facciata di grandiosità maniacale. Numerosissimi esempi documentano la sofferenza inespressa di questi bambini e, al tempo stesso, le difficoltà dei genitori, incapaci di essere disponibili verso i figli.

Maggio02Antonella Parrini “Separazioni ditruttive tra conflittualità e alienazione. Aspetti psicologici e giuridici” –  Ed. Hoepli

La mancata elaborazione della separazione e dell’assunzione delle reciproche responsabilità nel fallimento della propria unione, da parte della coppia può dar luogo ad un rapporto conflittuale e disfunzionale. I figli vengono coinvolti in triangolazioni familiari, assumendo loro stessi un ruolo attivo nel conflitto, e mettendo in atto di volta in volta strategie per risolvere i propri problemi familiari, che si esprimono anche con il rifiuto verso un genitore a favore dell’altro. L’ambiente sociale e l’ambiente familiare rinforzano l’acquisizione di potere del bambino, che assume un atteggiamento adultomorfico, appoggiando il genitore più potente e svilendo l’altro. In Italia non è stata data rilevanza al fenomeno della Sindrome di Alienazione Parentale e la mancanza di un chiaro e univoco riconoscimento della sindrome da parte della giurisprudenza rende l’attuazione degli interventi un problema complesso. Il volume avanza l’idea di equiparare la PAS ad un abuso psicologico vero e proprio e di intervenire su tutti gli attori con la finalità di far riappropriare i genitori del loro ruolo genitoriale e a perseguire l’interesse dei bambini.

separatore

Letture consigliate per i mesi di Marzo e Aprile :

BrunUn genitore quasi perfettoo Bettelheim “Un genitore quasi perfetto” –  Ed. Feltrinelli

Non bisogna cercare di essere genitori perfetti o, tantomeno, aspettarsi che perfetti siano i figli. Il segreto – dice Bruno Bettelheim – sta nell’essere un genitore “quasi” perfetto, cercare di comprendere le ragioni dei propri figli, mettersi nei loro panni, costruire con loro un profondo e duraturo rapporto di comunicazione emotiva e affettiva. Solo questo scambio paritario consente di riconoscere, affrontare e risolvere i problemi che via via si presentano nella vita quotidiana della famiglia: dalle collere e dai capricci ai terrori notturni della prima infanzia, dal rifiuto della scuola alle ribellioni adolescenziali, dalla questione della disciplina a quella delle punizioni, dalle prime esperienze e dal gioco sino alla costruzione dell’identità del bambino. Diventato un classico della psicologia infantile, Un genitore quasi perfetto è un prezioso distillato delle idee e dell’esperienza maturate nel corso di una carriera pìù che sessantennale.

il bambino nascosto

Alba Marcoli  “Il bambino nascosto”  – Ed. Oscar Saggi Mondadori

Due sono i bambini nascosti protagonisti delle pagine di Alba Marcoli: quello che sta dietro ogni comportamento e sintomo infantile e quello che ognuno di noi adulti si porta dentro, proiettandolo spesso inconsapevolmente sui bimbi che ci camminano accanto nella vita. Il volume vuole aiutare a scoprire, attraverso la rielaborazione fantastica di reali storie infantili, come ogni comportamento, dal punto di vista psicologico, si strutturi nel mondo interiore in maniera del tutto inconscia fin dai primissimi anni della nostra esistenza. La fatica di crescere viene analizzata a partire da esperienze diverse. E la scoperta del complesso mondo interiore del bambino attraverso la riappropriazione delle nostre stesse emozioni che provengono dall’infanzia costituisce una valida chiave d’accesso al mondo dei ragazzi, per poterli capire e aiutare meglio.

Letture consigliate per i mesi di Gennaio e Febbraio :

 

due-genitori-due-case-libro-78758Evelina Fazzi “Due Genitori, due case” –  Ed. Gabriella Piperno

Evelina Fazzi e Gabriella Picerno affrontano la delicata questione della fine di un rapporto di coppia, tra un uomo e una donna che non trovano più le originarie motivazioni o i presupposti per continuare la loro vita insieme. Il punto di vista della trattazione, però, non è quello “adulto”: le studiose ci presentano una realtà particolare che è quella della separazione di due genitori, i quali inevitabilmente coinvolgono nel loro “problema” anche i figli. E proprio la prospettiva filiale è quella adottata nel testo, nel quale si mette in evidenza come determinate circostanze portino spesso a una sorta di “inversione dei ruoli”. I bambini si trovano a dover capire una situazione per loro anomala, quella dei genitori che non vanno più d’accordo e che, addirittura, spesso si servono dei loro figli per parlare male e attaccare indirettamente il proprio ex compagno. Si conclude allora con l’importanza di chiarire ai più piccoli che qualcosa sta cambiando per i loro genitori, ma ciò non mette in discussione l’amore nei loro confronti, come chiarito dall’impiego di una favola, pedagogicamente adeguata, per “raccontare” il modo corretto di affrontare la separazione dei propri genitori.

 

cop (1)Anna G. Miliotti “Le Fiabe per parlare di separazione, un aiuto…” – Ed. Franco Angeli

Il momento della separazione dei propri genitori non è mai un momento facile, soprattutto per un bambino. Sono tanti gli interrogativi che si pone, e moltissime le sue ansie e paure. E non è sempre facile, per un genitore, trovare le parole giuste per spiegare al proprio figlio cosa stia accadendo e quali saranno i cambiamenti cui andrà incontro. Con una fiaba si può affrontare meglio la realtà, perché attraverso la fiaba il bambino può elaborare dolori e paure e può trovare vie per esternare i propri sentimenti. E una fiaba può essere l’occasione di dialogo anche con gli adulti. La lettura di questo testo, che propone fiabe e testi scritti non solo da adulti ma anche da bambini, regala emozioni, sorprese e allo stesso tempo offre tanti strumenti utili ad affrontare o meglio comprendere questo delicato momento.

 

 

cop (2)A. Coppola De Vanna – I. De Vanna “ Ci separiamo. Come dirlo ai nostri figli” – Ed. La Meridiana

La decisione di separarsi è sempre l’epilogo di una storia di sofferenze accumulate nel tempo. La trama del progetto condiviso si infrange lasciando al suo posto delusione, rabbia, tradimento. Una solitudine nella quale ciascun coniuge cura il proprio dolore, spesso ignorando quello dei figli. Proprio nel momento della separazione, bisogna allora ricordarsi che si può smettere di essere coniugi ma non genitori. E continuare a esserlo, con un impegno comune per far entrare i loro figli nel mondo, resta la sfida che da sola basta a dare senso alla vita.

 

Letture consigliate per i mesi di Maggio e Giugno :

 

i-papà-vengono-da-marte-2A. Pellai, B. Tamborini    ” I papà vengono da Marte, le mamme da Venere”  – Ed. Agostini

Due lineette sul test, e di colpo la nostra vita cambia per sempre. Fino a un momento fa eravamo noi due soli, una coppia, ora saremo in tre (o in quattro, in cinque…). È un’ondata di felicità, stiamo toccando il cielo con un dito, eppure allo stesso tempo non possiamo nascondere mille paure. All’improvviso bisogna ridefinire la vita: le priorità, gli impegni, i ruoli, il rapporto con l’altro. E nella ricerca di un nuovo equilibrio ci appare più che mai netta una non trascurabile evidenza: gli uomini e le donne vengono da pianeti diversi. In questo libro, un “marziano” e una “venusiana”, che insieme hanno fatto quattro figli (e se la stanno ancora cavando egregiamente), ci rivelano la propria storia di genitori dai rispettivi punti di vista di padre e di madre, come in un diario personale, ma anche di esperti: psicoterapeuta lui, psicopedagogista lei. Le sfide principali dei primi tre anni di vita del bambino, dal test di gravidanza al primo giorno di asilo, sono raccontate “in presa diretta” e poi messe sotto la lente d’ingrandimento, per capire che cosa succede nella mente di lui e di lei. Lo scopo? Trovare, nella differenza, una sintesi originale e unica nella quale ciascuno, e soprattutto il nuovo nato, possa crescere serenamente.

 

cop (3)M. Bowen “Dalla famiglia all’individuo. Differenzzazione del Sè nel sistema familiare” – Ed. Astrolabio

Una raccolta di articoli fondamentale per conoscere le tecniche e le strategie terapeutiche di Murray Bowen, una delle figure di primo piano nel campo della terapia familiare e relazionale americana. Caratteristica costante nelle sue tecniche è l’insistenza sulla ‘presenza’ del terapeuta non come spettatore esterno della situazione terapeutica, bensì come attore dall’interno del sistema. Tale caratteristica d’altronde è eccezionalmente bene esemplificata nel saggio “L’anonimo” in cui, con un intreccio degno di una pièce teatrale, Bowen riesce a confondere, ridirigere e infine a risolvere le triangolazioni interne della sua stessa famiglia fino a ottenere la sua personale ‘differenziazione’.

 

 936831A. Oliverio Ferraris  “Dai figli non si divorzia” – Ed. Rizzoli

Esiste davvero il buon divorzio? E come può un trauma doloroso diventare per i figli una preziosa opportunità di crescita? Accettare la separazione dei propri genitori comporta un lungo processo di “elaborazione personale” spesso scandito da sofferenze, crisi, oltre che da problemi pratici che si trascinano nel tempo. Il divorzio, ormai sempre più diffuso nel nostro Paese, è un’esperienza dolorosa che mette in gioco soprattutto l’equilibrio dei figli, allo stesso tempo testimoni e vittime inconsapevoli dello sfaldamento di una famiglia. Sensi di colpa, frustrazioni, incapacità di stabilire legami solidi e duraturi: sono questi i pericoli ¯come ci insegnano le numerose testimonianze presenti in queste pagine¯ a cui va incontro chi ha patito la mancanza di una serena identità familiare e la perdita di saldi punti d’appoggio sui quali costruire il proprio futuro. Da qui parte la riflessione di Anna Oliverio Ferraris, che in questo suo nuovo saggio ci spiega come si può superare il trauma di una separazione, e come, se assimilata e compresa, questa può rivelarsi un decisivo punto di svolta per la futura serenità di tutti. Lasciando da parte il rancore e privilegiando il dialogo, la comprensione, il rispetto del proprio ruolo ¯perché un genitore deve continuare a essere tale anche dopo il divorzio¯, gli adulti potranno garantire ugualmente ai figli le sicurezze, la tranquillità e anche l’autonomia psicologica di cui hanno bisogno.

 

Letture consigliate per i mesi di Marzo e Aprile :

 

cop (4)B.Masini, M.Zani    ” IO NON MI SEPARO” – Ed. Carthusia

Giulio è un bambino che ha capito tutto. Quando la mamma e il papà gli annunciano di aver preso la decisione di separarsi, lui fa finta di niente. Ma sa benissimo che cosa sta succedendo. Solo che non gli piace, non è d’accordo, vorrebbe ribellarsi, vorrebbe tornare indietro, alla vita di prima, quando tutto sembrava perfetto. Però non si può. Bisogna accettare i cambiamenti e andare avanti. Giulio ha una sola certezza, continua a ripeterlo a tutti: lui non si separa, proprio no. Questa storia è pensata per i bambini che affrontano la separazione dei genitori. Parla delle loro emozioni contrastanti, del bisogno di capire e di avere risposte oneste da chi li ama. È una storia da leggere insieme, piccoli e grandi; uno strumento per condividere quelle parole che a volte, quando servono, proprio non riescono a venir fuori da sole. Età di lettura: da 4 anni.

 

 

vi-lasciate-o-mi-lasciateA.Pellai, B.Tamborini    ” Vi lasciate o mi lasciate?” – Ed. Centro Studi Erickson

La separazione di mamma e papà è un evento che sconvolge tutta la famiglia, e i bambini ne sono toccati ancor più dei genitori, in quanto spettatori impotenti. Aiutare un bambino in una situazione così complessa significa sapere cosa dirgli rispetto a ciò che succederà e soprattutto mantenere una relazione civile e rispettosa con il partner da cui ci si vuole separare. Questo libro propone un percorso dedicato ai genitori che si stanno separando e ai loro bambini, basato su una puntata della Melevisione dedicata proprio a questi problemi. Presenta giochi e attività da affiancare alla visione del DVD allegato e fornisce ai genitori suggerimenti concreti per gestire al meglio la situazione.

 

 

cop (5)G. Attili    ” Attaccamento e Amore” – Ed. Il Mulino

A partire dagli studi dell’etologia, l’autrice spiega le radici biologiche che stanno alla base delle nostre relazioni affettive e sessuali e ripercorre tappe e snodi dei legami di coppia. Chi scegliamo come partner? Perché gli uomini sono attratti da donne giovani e belle e le donne da uomini che possano garantire sicurezza a sé e alla propria prole? Si tratta di criteri non dettati solo dal gusto e dall’interesse, ma piuttosto da un’astuta strategia della specie volta ad assicurare il processo riproduttivo. Completa il volume l’analisi dei diversi modi di amare e di reagire alla rottura di un legame affettivo, incluse alcune patologie della vita di coppia, dalla gelosia ossessiva all’incapacità di amare.

 

Letture consigliate per i mesi di Gennaio e Febbraio:

9788804423188-figli-sereni-di-amori-smarriti_copertina_piatta_fo

D. Francescato “Figli sereni di amori smarriti” – Ed. Mondadori

Anche in Italia, come negli Stati Uniti e nell’Europa settentrionale, diventano sempre più frequenti separazioni, divorzi e secondi matrimoni, con il seguente fenomeno della famiglia “aperta” ai nuovi compagni dei genitori separati e ai loro figli. Un mutamento dei rapporti famigliari che Francescato affronta in questo libro in base alle storie vissute da alcuni pionieri di tale nuova vita che devono reinventare in modi diversi il ruolo di genitori affettuosi e competenti. Ma anche i figli spesso traumatizzati dal conflitto tra genitori, possono imparare a crescere più sereni ad affrontare le difficoltà della vita. Si sta realizzando una vera e propria rivoluzione affettiva per i ragazzi e i genitori, una sofferta rivoluzione dei sentimenti che può condurre a un modo più autentico di vivere l’amore.

 

 

copF.Alberoni  “L’arte di amare” – Ed. Sonzogno

Molti sono ancora convinti che ci sia una traiettoria obbligata dell’amore che incomincia con l’innamoramento, la passione ma poi declina e si spegne nella convivenza quotidiana, quando non finisce nel tradimento e nel divorzio. Ma sbagliano. Questo libro dimostra che la felicità e il piacere più intensi sono possibili soltanto nel grande amore erotico che conserva la freschezza dell’innamoramento, l’ardore della passione e che, anziché affievolirsi, col passare degli anni si intensifica. Dobbiamo tornare a dare alla parola amore il suo significato più pieno, più autentico. Perché il vero amore è rivelazione, ammirazione, adorazione, fusione con qualcosa che ci trascende e che dà un nuovo senso al mondo. Solo l’amore totale ci sa dare il brivido dell’assoluto, lo stupore del nuovo, il terrore della perdita e una felicità misteriosa, meravigliosa e divina. Il grande amore erotico si ottiene abbandonandoci all’amore, alla voglia di vivere, al candore dei sentimenti, alla sincerità, alla verità, alla libertà, chiedendo ciò che ci piace senza pudore, senza paura.

 

 

X
- Enter Your Location -
- or -